Lascia che accada…

Editoriale di Verena Schmid, tratto dal n. 99 di D&D LOTUS BIRTH.

Acquistalo ora!

Fredérik Leboyer spesso nelle sue poesie ha invitato a questa sorta di passività rispettosa, ricettiva, di abbandono al flusso della natura e di apertura verso quello che accade.

E’ stato lui promotore del rispetto del cordone integro, ben 43 anni fa.

Quanto tempo per permettere che una cosa accada! Che il bambino nasca, che si adatti all’enorme cambiamento che vive, che trovi sua madre, che la placenta finisca il suo ciclo, che il latte scorra.

Quante resistenze a un processo naturale, pieno di risorse, di cui i vantaggi sono molto superiori a eventuali svantaggi, ancora non dimostrati. Mentre gli svantaggi del taglio precoce del cordone sono ben noti.

La nascita Lotus ha portato alla luce un trauma generazionale inconscio e si è proposto come riparazione e guarigione. Molte mamme, molti genitori hanno intuitivamente accolto questa modalità di nascita, non solo per il rispetto del bambino che nasce, ma anche per sanare una ferita profonda e inconscia dentro di sé, quella della separazione, della non accoglienza.

DD99

Continua a leggere

Marte e Venere.

Editoriale di Verena Schmid, tratto dal n. 98 di D&D MATERNITA’ IN CONFLITTO.

Io che ho lavorato per una vita nel modello femminile dell’assistenza, che ho visto partorire sempre le donne nella loro forza, anche quando avevano bisogno di assistenza medica, anche quando venivano offese, che ho visto nascere bambini in pieno possesso delle loro risorse, svegli, pronti alla relazione, che ho visto padri partecipi e co-protagonisti della nascita accogliere i loro figli, vengo da Venere, un pianeta della nascita, abitato da donne e uomini, dove domina il femminile, il rame, la morbidezza e la forza, l’integrità. Quando guardo al modello della nascita istituzionale, dove la donna non c’è, il bambino è oggetto separato dalla madre e proprietà sociale, dove i padri sono ammutoliti e i neonati intontiti, mi rendo conto di essere su un altro pianeta della nascita: Marte, abitato da donne e uomini, dove domina il maschile, il ferro, la durezza e la debolezza, la ferita. Venere (nelle immagini) e Marte (nei testi) attraversano questo numero del nostro giornale. Il pianeta Terra chiede di integrare aspetti sia di Venere che di Marte. Con la buona volontà si riuscirebbe anche, ma quando manca questa volontà, quando soccombe il femminile proprio nell’atto più femminile che esista, crescere e dare la vita?d&d 98

Continua a leggere